You are hereBlog / Blog di Annalisa / Transition Kino n.15, a Terra delle Spontanee!

Transition Kino n.15, a Terra delle Spontanee!


By AnnalisaPostato il24 luglio 2010

Scrive Pierre Houben 'Peter Pingus'
Ecco qui le info:
http://tinyurl.com/trkino15

Venerdì 30 Luglio, ore 20.00

N.B.(B.B.B.) Arrivare con protezione contro le zanzare, mi raccomando!
e portate una coperta per accomodarvi nel prato.

L'organizzazione è invariata: ognuno porta qualcosa da mangiare e bere
da condividere, una piccola variante: chi ci ospita è vegano,
limitiamo l'uso della carne? non che se ne sia fatto tutto questo uso
fino ad oggi ai Kino :-) Per chi non li conoscesse chi ci ospita è una
coppia di giovani, Annalisa, Giuliano e la piccola Ipazia. Molto
ottimisticamente si autodefiniscono 'ecovillaggio' o 'ecofamiglia
aperta all'accoglienza', almeno finché non arriverà il prossimo membro
a rendere più veritiera la prima definizione.
Che ci fanno lì? Ad un certo punto si sono ritrovati in mano la
piccola e invecchiata azienda agricola di famiglia portata avanti con
metodi convenzionali e sta pensando a come trasformarla in qualcosa di
più sostenibile a livello ambientale, con tutte le conseguenze che ne
seguono a porsi una domanda del genere... vi assicuro che la faccenda
è complessa e loro ve ne possono parlare approfonditamente visto che
ci ragionano da un pò di tempo. Non scandalizzatevi se non troverete
la Fattoria Mulino Bianco ma tanti lavori in corso...

Per il film sono ancora indeciso sulla scelta tra Koyaanisqatsi e
Baraka piacendomi molto entrambi; non narrativi, immagini e musica
senza parlato, sono molto curioso di capire cosa succeda alla visione
di questi film se visti all'aperto (l'idea è di vederli nella
vigna)... cosa ne guadagna l'esperienza da spettatore? cosa ci rimane
alla fine del film? Potremmo decidere anche lì per lì per uno o
l'altro... di seguito due suggestioni sui film:

- Koyaanisqatsi - è una parola della lingua amerinda hopi e significa
"vita in tumulto", "oppure vita folle"; "vita tumultuosa"; "vita in
disintegrazione"; "vita squilibrata"; "condizione che richiede un
altro stile di vita".

- Baraka - è una parola che significa "benedizione" in diverse lingue.

Fatevi sentire se venite
Annalisa, Giuliano, Ipazia e Pierre

Indicazioni per arrivare a Terra delle Spontanee: seguire l'Eridania
fino all'incrocio con semaforo di Stienta. Attenzione perché il
semaforo è videocontrollato! al semaforo girare a destra e seguire la
provinciale attraversando Runzi e Bagnolo di Po. Segnalo che Runzi è
attivo il sistema tutor, con due telecamere all'ingresso e all'uscita.
Limite 70 km/h. A Bagnolo di Po, dopo il locale 'Gin Mao' (che si
trova sulla vostra destra) c'è un megacurvone. Lì la provinciale gira
a destra, voi invece girate a sinistra - ovvero, tirate dritto. E'
praticamente un incrocio in cui a destra si segue a la provinciale,
dritto si va dove vi sto indicando e girando tutto a sinistra si entra
nel paese. Seguire la strada comunale, dopo 500 mt c'è un altro
curvone che vi manderebbe a destra. Lasciare la principale girando a
sinistra (in pratica è tirare dritto ;-) e proseguire altri 500 mt su
una strada tutta curve. A un certo punto si noterà sulla destra una
cabina dell'alta tensione. Prima di giungervi, sulla sinistra, è
nascosta una stradina. Percorrerla e si arriverà di fronte a un
capitello, a questo punto girare a sinistra. Avanti 200 mt, sulla
destra, c'è un edificio bianco con pozzo nascosto da un altissimo
alloro e cancello, è una casetta addossata a un fienile. Entrate pure
nel cancello e cercate posto per parcheggiare. Siete i benvenuti!